8 Suggerimenti per gli Studenti Atleti

8 Suggerimenti per gli Studenti AtletiQui alcuni consigli per bilanciare entrambi gli aspetti: accademico ed atletico.

1. Il vostro compito è quello di essere uno studente atleta. Allenamento, scuola, film, mangiare, sala studio …Aspetta un attimo, non ho proprio tempo per me. Come faccio a controllare facebook, fare il bucato, chiamare mia madre e giocare alla Xbox? Considera le tue responsabilità come se fossero un lavoro a tempo pieno, in quanto lo sono. Create una pianificazione oraria, e aggiornatela quotidianamente. Smettete di pianificare il pisolino pomeridiano, e usate la pausa tra una lezione e l’altra per studiare e per finire i compiti. Se saprete gestire il vostro tempo durante la giornata, dovreste trovare 15 minuti la sera per giocare al pc.


2. Segnalate le assenze. La chiave nella gestione delle lezione perse è comunicare.All’inizio del semestre, fate sapere agli insegnanti (personalmente, tramite e-mail o attraverso una lettera del dipartimento di atletica) le date in cui salterete le lezioni  per partecipare alle gare. Una settimana prima di saltare una lezione specifica, ricordatelo al professore, e cercate di capire come fare a recuperare il lavoro perso e ad ottenere gli appunti. E quando ritornate in classe, assicuratevi che il lavoro è stato consegnato al momento giusto.

 

3.    Evitate la “sindrome dell’impostore”.  Inevitabilmente ci sarà un momento nella  carriera accademica in cui vi sentirete come se state camminando con un cartello sulla schiena con su scritto: “stupido atleta”. Vi sentirete come non appartenere alla stessa classe di studenti “normali”, sia per la mancanza di fiducia in voi stessi sia per il poco trattamento che vi riserveranno quelli che (per varie ragioni) odiano gli atleti. Venite fuori dalla riservatezza: fate degli sforzi per coltivare amicizie fuori dal ristretto circolo dei compagni di squadra e allenatori. Ricorda che tutti gli studenti portano valori alle istituzioni in modo diverso, quali possono essere il talento musicale, l’eccellenza accademica o le abilità atletiche.

 

4.    Non siate incostanti. Tutti lo conoscono, tutti quanti l’hanno visto, e tutti noi sappiamo quanto sia fastidioso…quel tipo. Fidatevi, ogni squadra ne ha uno. Non vuoi essere il giocatore che causa problemi ai suoi compagni. Siate puntuali (nel mondo dello sport essere puntuale significa essere in anticipo). Siate preparati, sia in classe, sia nell’allenamento, sia in aula studio. Se siete considerati responsabili ed affidabili sin dall’inizio, quando sarete in ritardo o farete degli errori (e li farete), avrete creato un margine di errore, un po di capitale sociale.

                      

5.    Gestite le vostre qualità. Iniziare il percorso per diventare un atleta di college vi proietterà automaticamente sotto i riflettori, non solo sul campo ma anche fuori.Tu sei il volto della tua università, e le tue azioni si riflettono sulla tua istituzione e sul tuo sport, sia positivamente che negativamente. Prendi la decisione giusta, specialmente quando si tratta di alcool e droghe. Una decisione errata potrebbe avere effetti negativi non solo su di te ma anche sulla tua squadra, sulla tua famiglia e su tutto il dipartimento sportivo. Comprendi che essere un atleta, significa fare parte di un tutto più grande del singolo.

 

6.    Prendi il meglio dai fallimenti. Molte matricole dei college- specialmente coloro che hanno grandi esigenze per le competizioni atletiche e forti aspettative accademiche- riscontrano qualche difficoltà durante il primo semestre. Per alcuni di loro, si tratta di un voto basso all’esame; per altri è solo una sensazione di smarrimento di fronte al nuovo ambiente. Resisti alla tentazione di rinunciare. Valuta realisticamente cosa è andato storto. Hai studiato abbastanza? Hai fatto domande in classe? Sei stato a ricevimento dai professori per avere un aiuto in più? Segui dunque i passaggi necessari a correggere i problemi.

 

7.    Valutate un piano B. Ogni studente di college ha dei sogni. Per chi fa l’atleta, questi sogni includono quello di competere a livello agonistico. Questo è il piano A, e non c’è nulla in contrario con questo. La realtà, in ogni caso, è che meno del 5% degli atleti dei college continuano a competere a livello professionale dopo la laurea. Ciò significa che dovreste avere un piano B se la vostra carriera atletica dovesse terminare dopo le competizioni a livello di college. Questo non significa che devi abbandonare le tue ambizioni atletiche, ma che dovreste dare le giuste attenzioni allo studio in modo da essere preparati a tutte le opportunità che la vita può darvi dopo aver terminato il college.

 

8.    Un piano per la vita. E’ facile che vi sfugga un progetto generale quando la vostra vita quotidiana è fitta di impegni accademici ed atletici, ricordate dunque di utilizzare tutte le vostre risorse e di implementare i vostri contatti. Dovreste quindi seguire almeno due classi con lo stesso professore in modo che se avrete bisogno di una lettera di raccomandazione, conoscete già una persona importante che può scrivere per voi una buona referenza. Create presto un vostro curriculum personalizzato. Molti studenti atleti sono intimiditi quando è il momento di scriverne una, è bene tenere a mente che la vostra esperienza atletica vi ha trasmesso tante qualità che potreste sfruttare come valore aggiunto nel mondo del lavoro. Come atleta, hai dimostrato che sei orientato agli obiettivi, che siete in grado di lavorare in gruppo, sapete comunicare, siete organizzati e disciplinati.

 

 

 

 

 

 

 

Website Security Test